Cerca

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

Categoria

Senza categoria

Cala il sipario sul paesaggio. Definitivamente.

Comunicato di Emergenza Cultura 

Con il DPCM del 2 dicembre scorso che riforma la controriforma alla precedente riforma, continua la ristrutturazione infinita del MiBACT, da anni scosso da ribaltoni organizzativi senza che sia mai stata compiuta un’operazione di monitoraggio rispetto ai risultati e quindi agli effetti in termini di efficacia del servizio e di raggiungimento degli obiettivi di questo succedersi di operazioni.

Se risulta chiara l’ideologia ispiratrice di quest’ultimo DPCM che – in linea di diretta continuità con i precedenti provvedimenti del 2014 e del 2016 – approfondisce la cesura fra sommersi e salvati del patrimonio culturale senza porre rimedi agli stravolgimenti organizzativi causati dai decreti precedenti, attendiamo il testo definitivo per un’analisi puntuale che sarà pubblicata sul sito di Emergenza Cultura.

Ma in attesa di tale disamina, ci pare necessario sottolineare un elemento a nostro avviso tanto macroscopico quanto sottaciuto.
Il grande assente, ormai da oltre un lustro, di ogni intervento legislativo ministeriale è il paesaggio, completamente assente dall’orizzonte Mibact.
Non per caso.

Il conclamato silenzio sulla pianificazione paesaggistica in quest’ennesimo passaggio riorganizzativo del Mibact, esprime una rinuncia, ormai definitiva, ad interpretare un qualsivoglia ruolo, non solo di coordinamento, ma pure di partecipazione attiva alle sorti del nostro paesaggio. In spregio dell’articolo 145 del Codice, ormai relegato all’antiquaria ministeriale.

Come già Emergenza Cultura aveva sottolineato in altri documenti, sembra evidente che una tale pervicacia nell’oblio di una delle competenze cardine del Mibact, quella del governo dell’assetto territoriale, sia stato uno degli oggetti (o meglio, probabilmente, L’Oggetto) di scambio delle tattiche di sottogoverno che hanno caratterizzato quest’ultima stagione politica.

Mani libere sul territorio da parte di uno dei pochissimi organismi ancora in grado di assicurare – grazie alla presenza capillare delle Soprintendenze – un controllo in termini di qualità e sostenibilità degli interventi territoriali.

Intanto, le onde della laguna, la speculazione del fotovoltaico e delle molteplici inutili nuove infrastrutture, si abbattono sul nostro paesaggio e sul nostro patrimonio.

In attesa che nuove “grandi opere” lo stravolgano definitivamente.

Claudio Meloni, MiBACT: Una riorganizzazione in salsa Franceschini

La riorganizzazione del MiBACT proposta nello schema di Decreto Presidente Consiglio dei Ministri produce a livello generale una forte riaffermazione dei principi che hanno uniformato la Continua a leggere “Claudio Meloni, MiBACT: Una riorganizzazione in salsa Franceschini”

Stefano Valentino, Co2, navi peggio delle auto. Per Msc il record europeo

L’italo–svizzera Mediterranean Shipping Company (Msc) è la campionessa marittima del cambiamento climatico nell’Ue. Le sue 362 più grandi navi–cargo emettono 11 milioni di

Continua a leggere “Stefano Valentino, Co2, navi peggio delle auto. Per Msc il record europeo”

Tomaso Montanari, Scuola, presepe & cotechino: la banalità del razzismo

“Illustrissimo dirigente scolastico, considerato l’avvicinarsi del Santo Natale le chiedo la disponibilità a valorizzare all’interno del Suo istituto, ogni iniziativa legata a questa importante festività come l’allestimento di presepi e lo svolgimento di recite o canti legati al tema della Continua a leggere “Tomaso Montanari, Scuola, presepe & cotechino: la banalità del razzismo”

Trisulti: tutti insieme alla Certosa, appassionatamente

C’è un viavai di ospiti alla Certosa di Trisulti, di notte. Nessuno vede, nessuno parla, nessuno sente nelle nebbie che avvolgono l’antico edifício. Però, poi, piano piano, le cose si vengono a sapere… Continua a leggere “Trisulti: tutti insieme alla Certosa, appassionatamente”

Vittorio Emiliani, Proviamo a ri-ragionare su Venezia partendo dal sistema lagunare

Venezia è l’esempio più palese del fatto che gli equilibri naturali modificati con mano sapiente, artigianale ma scientifica dall’uomo in antico non possano essere sconvolti dalla mega-industria, dalle mega-navi, dalle mega-opere. Della complessa idraulica lagunare si sono Continua a leggere “Vittorio Emiliani, Proviamo a ri-ragionare su Venezia partendo dal sistema lagunare”

Anna Lombroso, Ministero dei Mali Culturali

Io capisco che siete ancora tutti impegnati nel neo-antifascismo militante contro l’ex ministro che continua ad essere in auge grazie al successo di critica, la vostra, di pubblico, anche

Continua a leggere “Anna Lombroso, Ministero dei Mali Culturali”

Toni Casano, Alcune considerazioni sul futuro della Biblioteca centrale siciliana

Le controdeduzioni alla nota di “precisazione” del direttore dell’importante presidio culturale in riferimento al nostro articolo “Niente giornali alla biblioteca Regionale”

Abbiamo letto e riletto più volte l’intervento del direttore della Biblioteca centrale siciliana e

Continua a leggere “Toni Casano, Alcune considerazioni sul futuro della Biblioteca centrale siciliana”

Italia Nostra Lazio sostiene l’associazione FANNIUS Centro di Archeologia libraria e Bibliotecaria (Villa Adriana) e il Museo Didattico del Libro Antico a Villa D’Este

Recentemente giornali e televisione hanno diffuso la notizia dello “sfratto” intimato dal direttore della Soprintendenza Speciale Villa Adriana-Villa d’Este (VA-VE) all’associazione FANNIUS che gestisce il Centro di Archeologia libraria e Bibliotecaria (Villa Adriana) e il Museo Didattico del Libro Antico a Villa D’Este. Continua a leggere “Italia Nostra Lazio sostiene l’associazione FANNIUS Centro di Archeologia libraria e Bibliotecaria (Villa Adriana) e il Museo Didattico del Libro Antico a Villa D’Este”

Blog su WordPress.com.

Su ↑