Cerca

Emergenza Cultura

Autore

emergenzacultura

Un quadro per fare silenzio nella città della nostra anima

di Tomaso Montanari

Le nostre città deserte sono sprofondate nel silenzio. In queste notti di vento forte, anche portare fuori il cane a tarda sera per le vie di Firenze è inquietante: ad ogni cigolìo, ad ogni minimo rumore, un brivido sale lungo la schiena. Ma tutto il caos sparito dalle strade si è spostato nelle nostre case, connesse ormai per tutto il giorno.

Continua a leggere “Un quadro per fare silenzio nella città della nostra anima”

Qual è la condizione dei lavoratori della Cultura ai tempi dell’emergenza COVID-19?

a cura del collettivo Mi riconosi?

Vi invitiamo a compilare e a diffondere il questionario rivolto ai lavoratori legati al settore Cultura (Patrimonio culturale, Turismo culturale, Spettacolo) che hanno perso il lavoro o la loro fonte di reddito, o rischiano di perderlo, o hanno subito qualsiasi tipo di abuso o cambiamento in peggio a partire dallo scoppio dell’emergenza Coronavirus in Italia fino ad oggi. Continua a leggere “Qual è la condizione dei lavoratori della Cultura ai tempi dell’emergenza COVID-19?”

Paolo Rumiz, “Mi ricorderò di voi”

23 marzo
Stamattina ho appeso fuori dalla porta un foglio con su scritto: «Mi ricorderò di voi quando tutto sarà finito. Di voi che avete smantellato la sanità pubblica per finanziare Continua a leggere “Paolo Rumiz, “Mi ricorderò di voi””

Dopo la tempesta

Che la crisi in atto non sia solo sanitaria, è ormai chiaro. L’auspicio che si va facendo strada è che il “dopo” non sia una semplice ripresa nella continuità, ma diventi l’occasione per un ripensamento più generale del modello di “sviluppo” che ci ha condotto in questo cul de sac. In tutti i settori, compresi, naturalmente, quelli del patrimonio culturale e del paesaggio.

Continua a leggere “Dopo la tempesta”

Raffaello come vaccino del Covid-19?

di Fulvio Cervini

Nell’inedita Italia ai tempi del coronavirus, la libertà di movimento è stata saggiamente ridimensionata, sia pure con qualche ritardo e mille contraddizioni. Eppure per alcuni giorni abbiamo vissuto un’insensata schizofrenia proprio sul fronte che in tempi di crisi rappresenta una risorsa – culturale, antropologica, emotiva – per ritrovare un minimo di dimensione sociale e contrastare isolamento, alienazione e paranoia: il patrimonio artistico e culturale, legato molto più strettamente di quanto spesso non ammettiamo alla nostra capacità di essere cittadini consapevoli e responsabili. Continua a leggere “Raffaello come vaccino del Covid-19?”

L’art. 88 del DL “Cura Italia”: il nostro futuro si vede dai decreti

di Isabella Ruggiero, Presidente nazionale AGTA

In pochi hanno fatto attenzione all’articolo 88 del DL “Cura Italia”, confuso tra articoli di rilevanza sociale ed economica maggiore e di interesse solo per il comparto del turismo. Così è scivolato inosservato. Tratta del “rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei contratti di acquisto di biglietti per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura”.

Continua a leggere “L’art. 88 del DL “Cura Italia”: il nostro futuro si vede dai decreti”

Emergenza Coronavirus. Segnalazione criticità.

Roma, 24 marzo 2020

Alla c.a.
Sig. Segretario Generale MiBACT
Dott. Salvatore Nastasi Continua a leggere “Emergenza Coronavirus. Segnalazione criticità.”

A chi andranno le spoglie di Venezia?

di Paola Somma

Seguendo il suggerimento di Tomaso Montanari di cogliere la possibilità che ci lasciano i decreti del governo di attraversare, da soli, le nostre piazze storiche, mi sono spinta fino a piazza san Marco, dove due vigili mi hanno invitato ad andare via, perché è vietato allontanarsi “a piedi”, oltre 200 metri dalla propria abitazione, senza un valido motivo. Forse non è il momento di fare facili battute su quali altri mezzi di locomozione avrei dovuto usare, ma è sicuramente il momento di riflettere sul fatto che dietro le immagini delle piazze vuote, che in questi giorni i mezzi di comunicazione ci propinano, ci sono realtà diverse. Continua a leggere “A chi andranno le spoglie di Venezia?”

Una Repubblica fondata sul profitto?

di Tomaso Montanari

«Basta criticare su tutto», «Siamo in guerra», «La gente muore»: sono solo alcune delle reazioni della rete alle prime, timide critiche alla direzione che sta sempre più decisamente prendendo la gestione dell’emergenza Covid da parte del presidente del Consiglio Conte. Quella direzione è uno svuotamento progressivo della forma, e dunque della sostanza, democratica: che non è affatto un pedaggio da pagare in nome del sacrosanto contrasto al virus. Perché si può e anzi si deve limitare la libertà personale di tutti noi in nome della difesa della vita: ma bisogna stare molto attenti a come lo si fa, e a chi lo fa. Continua a leggere “Una Repubblica fondata sul profitto?”

Blog su WordPress.com.

Su ↑