«Questo libro – scritto con straordinarie competenza, dedizione al bene comune e ironia – racconta la storia di alcuni custodi che non vogliono a nessun costo smettere di esser custodi. Anche se i loro capi, custodi con ancor più responsabilità, avevano deciso di gettare la spugna, accettando il dominio del mercato e inchinandosi alla maestà del denaro e del potere».
Tomaso Montanari

Nel 1513, o 1516, i Norsa, famiglia ebrea mantovana, acquistano un manoscritto medioevale recante la trascrizione della Guida dei perplessi, rimanendone in possesso per oltre cinquecento anni. L’autore è uno tra i più importanti pensatori nella storia dell’ebraismo, noto col nome di Maimonide. Il manoscritto ha rischiato di finire all’estero, nonostante fosse stato dichiarato di rilevante interesse storico e artistico e quindi parte del patrimonio culturale. Il codice Maimonide racconta le difficoltà incontrate dagli autori per svolgere con dignità il lavoro di tutela e di come l’esportazione sia stata evitata e il manoscritto sia stato acquistato dallo Stato.

Gino Famiglietti è stato, presso il MIBACT, vicecapo dell’Ufficio legislativo, direttore regionale in Lombardia e Molise, direttore generale per l’Archeologia, gli Archivi e infine per l’Archeologia, le Belle arti e il Paesaggio. Ha collaborato alla stesura del Codice dei beni culturali. Premio “Zanotti Bianco” di Italia Nostra nel 2011.

Micaela Procaccia ha lavorato nel MIBACT come soprintendente in Piemonte Valle d’Aosta e Toscana, dirigente della direzione generale Archivi, soprintendente dell’Archivio centrale dello Stato. Autrice di numerose pubblicazioni, dedicate in gran parte alla storia degli ebrei in Italia e ai beni culturali ebraici, è ora presidente dell’ANAI.

Altri libri della collana Antipatrimonio