Roma, 31 agosto 2020

Onorevole Dario Franceschini
Ministro per i beni culturali e il turismo

In un celebre luogo estense, il Parco Ducale di Sassuolo, la lottizzazione di 49 ville approvata in silenzio (assenso) dalla Soprintendenza. Appello di Italia Nostra al Ministro.

Onorevole Ministro,

Italia Nostra ha incondizionatamente apprezzato il progetto di valorizzazione che Ella ha inteso promuovere della vasta area culturale segnata nei secoli dal governo del Ducato Estense, la più longeva dinastia statale della Italia preunitaria, assegnando a questo scopo speciali risorse per interventi di restauro e valorizzazione. In riconoscibile coerenza con la costituzione in autonomo istituto della Galleria Estense, cui sono stati annessi non solo la gloriosa Biblioteca che fu ordinata e diretta dal Muratori e la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, ma pure il Palazzo Ducale di Sassuolo.

Ebbene, in una vasta area dello storico Parco Ducale di Sassuolo, che del Palazzo costituisce la suggestiva proiezione paesaggistica verso i primi rilievi collinari, sono in corso lavori di sterro che il cartello di cantiere annuncia diretti alle opere di urbanizzazione di una fitta lottizzazione residenziale (ben 49 ville) esibendo l’elenco delle ottenute autorizzazioni, sismica, paesaggistica, archeologica. Mentre un altro più vistoso cartello offre in vendita “all’interno del Parco Ducale di Sassuolo lotti urbanizzati per la realizzazione di ville singole e abbinate”.

Come è possibile, si domanderà, entro il parco storico, compreso nella vasta zona di tutela paesaggistica tale riconosciuta nel 1976 e confermata nel 1985?

È purtroppo possibile. La Sua Soprintendenza ha approvato la lottizzazione senza neppure rendere espliciti gli argomenti della determinazione, mantenendo cioè il silenzio che, secondo un dispositivo normativo di dubbia legittimità costituzionale, significa per presunzione legale, come Lei ben sa, assenso.

Ecco, ci domandiamo noi: può il Ministero rimanere indifferente di fronte a una simile condotta del suo Ufficio periferico, la voce della Istituzione della Tutela statale che dunque porta la diretta responsabilità della vasta lottizzazione dello storico Parco Ducale di Sassuolo?

I lavori sono appena iniziati e crediamo che ci siano spazio e modo per un Suo intervento di interdizione che valga a salvare, con il bene culturale e paesaggistico, l’onore della Istituzione della Tutela affidata alla responsabilità del Ministro. 

Accolga l’espressione di stima e il rispettoso saluto di

Ebe Giacometti
presidente nazionale di Italia Nostra


Fotografia dal sito di Italia Nostra Modena