Cerca

Emergenza Cultura

Tag

centri storici

Italia Nostra: Cassazione conferma che vie e piazze dei centri storici sono tutte tutelate ope legis

“Oggi dobbiamo gioire perché la Cassazione ha emesso una sentenza che conferma una disposizione di legge, l’art. 10 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, che stabilisce che le vie e le piazze dei centri storici delle città italiane sono tutte tutelate ope legis. La notizia però non è che la Cassazione conferma la tutela di beni vincolati ma che un Tribunale dello Stato ignori le norme che è tenuto ad applicare e che la Cassazione sia costretta a ribadirle”. Continua a leggere “Italia Nostra: Cassazione conferma che vie e piazze dei centri storici sono tutte tutelate ope legis”

C’è del metodo in questa follia

di Paola Somma

Vi ricordate l’agenda Colao? Solo pochi mesi sono trascorsi da quando il governo delegò al manager di una multinazionale il compito di predisporre le linee guida per la cosiddetta ripartenza dopo il lockdown di primavera. Continua a leggere “C’è del metodo in questa follia”

Periferie, quel “postaccio” illuminato solo da X Factor

di Tomaso Montanari

Se io fossi il ministro per i Beni culturali licenzierei tutti i cortigiani profumatamente pagati come suoi consiglieri (l’elenco è online), e correrei a incontrare un ragazzo perugino di vent’anni: Franco Popi Rujan, in arte Blind. Chi giovedì scorso abbia visto X Factor (che sarà pure un incartatissimo cioccolatino televisivo, ma è più istruttivo e umano di tutti i giornali italiani messi insieme), capirà subito perché.

Continua a leggere “Periferie, quel “postaccio” illuminato solo da X Factor”

Pescara, patrimonio a rischio. Cittadini pronti alla battaglia

di Tomaso Montanari

“Oggi come allora, lo stadio (Adriatico di Pescara, ndr) riassume il luogo che lo accoglie: stando al suo interno è possibile scorgere il mare Adriatico dando le spalle alla montagna e viceversa, immersi in una cornice naturale come quella della pineta”. Continua a leggere “Pescara, patrimonio a rischio. Cittadini pronti alla battaglia”

Lampioni a led per illuminare rovine deserte

di Battista Sangineto

Qualcuno si stupirà, forse, nell’apprendere che, nel caso dei 90 milioni di euro per il Centro storico di Cosenza, sono d’accordo con il Sindaco Mario Occhiuto. Continua a leggere “Lampioni a led per illuminare rovine deserte”

Patrimonio artistico a rischio sismico, ma la politica dorme

di Tomaso Montanari

“La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazi one ”. Il secondo comma dell’articolo 9, uno dei principi fondamentali della nostra Costituzione, dovrebbe significare, prima di tutto, prevenzione sismica. Continua a leggere “Patrimonio artistico a rischio sismico, ma la politica dorme”

Decreto Semplificazioni: l’art. 10 salva l’Italia dal “sacco” delle demolizioni selvagge

di Michele Campisi

In questi ultimi giorni si consuma in parlamento un importantissimo confronto sul destino delle nostre città: le sorti dell’articolo 10 del decreto sulle “Semplificazioni”. Le agevolazioni contenute in questo articolo servono a rendere più praticabili le applicazioni di tutte quelle norme sull’edilizia che ricadono sulla diffusa attività sociale. Continua a leggere “Decreto Semplificazioni: l’art. 10 salva l’Italia dal “sacco” delle demolizioni selvagge”

Renzi comincia dallo stadio Franchi per smantellare città e paesaggio

di Tomaso Montanari

La battaglia che in queste ore infuria nelle riunioni dei capigruppo di maggioranza al Senato ha una portata che supera il merito della discussione, che riguarda la possibilità di cassare i vincoli storico-artistici sugli stadi di calcio italiani. Continua a leggere “Renzi comincia dallo stadio Franchi per smantellare città e paesaggio”

Controreplica al Ministro. Cederna spiegato a Franceschini

di Giovanni Losavio

Chiamato a dir la sua sui casi di malatutela documentati da Tomaso Montanari sul Fatto Quotidiano di ferragosto, il Ministro Franceschini dopo il riconoscimento d’obbligo del ruolo di vigilanza di associazioni e studiosi ne fissa subito il limite. Perché il rispetto (doveroso si intende) del lavoro delle soprintendenze “significa accettare la loro scelta sia quando esteticamente la si condivide che quando non la si condivide”. Continua a leggere “Controreplica al Ministro. Cederna spiegato a Franceschini”

Blog su WordPress.com.

Su ↑