Cerca

Emergenza Cultura

Categoria

Materiali

Comunicato dell’AGTA sulle visite del FAI a Testaccio

Durante lo scorso fine settimana, in cui si celebravano le Giornate Europee del Patrimonio 2020, a Roma due iniziative attiravano l’attenzione: sabato 26 l’apertura del Monte Testaccio e domenica 27 quella dei Giardini Segreti di Villa Borghese (rimandata ad altra data a causa del maltempo). Nel caso del Monte Testaccio, però, l’apertura concessa dalla Sovrintendenza Capitolina non era inserita nelle iniziative per le Giornate Europee. Continua a leggere “Comunicato dell’AGTA sulle visite del FAI a Testaccio”

Pescara, patrimonio a rischio. Cittadini pronti alla battaglia

di Tomaso Montanari

“Oggi come allora, lo stadio (Adriatico di Pescara, ndr) riassume il luogo che lo accoglie: stando al suo interno è possibile scorgere il mare Adriatico dando le spalle alla montagna e viceversa, immersi in una cornice naturale come quella della pineta”. Continua a leggere “Pescara, patrimonio a rischio. Cittadini pronti alla battaglia”

Per Covid, ma non per tutti

di Mariasole Garacci

Lo scorso 11 settembre, il Fondo Ambiente Italiano ha pubblicato sui suoi social un post tramite il quale cercava volontari per le sue visite guidate: “Ti piace raccontare la bellezza dei luoghi che ami? Sei convinto che il territorio in cui vivi sia ricco di tesori eccezionali che ti piacerebbe far conoscere agli altri? Condividi con noi la tua passione: diventa volontario per le Giornate Fai d’autunno!”. Continua a leggere “Per Covid, ma non per tutti”

Se il patrimonio culturale irrita i sovranisti

di Maria Pia Guermandi 

Fra ritardi, incomprensioni e polemiche, il lunghissimo iter parlamentare sulla ratifica della Convenzione di Faro, sta per giungere a conclusione nelle prossime settimane. Si tratta, come noto, della Convenzione quadro emanata dal Consiglio d’Europa sul valore sociale del patrimonio culturale. Aperta alla firma dei vari paesi  del Consiglio nel 2005 la Convenzione è entrata in vigore nel 2011 a livello sovranazionale, e da allora ogni stato membro può ratificarla, inserendola nel proprio ordinamento. Continua a leggere “Se il patrimonio culturale irrita i sovranisti”

Cercansi guide culturali gratis: la rivolta contro il Fai

di Tomaso Montanari

“Perché quest’anno invece di coinvolgere i volontari non chiamate le migliaia di guide che sono a casa causa Covid? Se non avete fondi sono sicuro che chi partecipa alle Giornate contribuirebbe”, “Basta!!! C’è gente che passa la vita a studiare e a migliorarsi per saper raccontare. Voi veicolate il messaggio che chiunque lo possa fare, che quindi una guida o un accompagnatore sia una figura inutile. Smettetela di arricchirvi col volontariato!” Continua a leggere “Cercansi guide culturali gratis: la rivolta contro il Fai”

Per una città più giusta

Mercoledì 23 settembre 2020, nell’anniversario della scomparsa, un’iniziativa ricorda l’importanza e l’attualità del pensiero e dell’attività di Edoardo Salzano. Il convegno sarà visibile in streaming sul sito eddyburg.it.

Continua a leggere “Per una città più giusta”

Lampioni a led per illuminare rovine deserte

di Battista Sangineto

Qualcuno si stupirà, forse, nell’apprendere che, nel caso dei 90 milioni di euro per il Centro storico di Cosenza, sono d’accordo con il Sindaco Mario Occhiuto. Continua a leggere “Lampioni a led per illuminare rovine deserte”

La tutela dello storico Parco Ducale di Sassuolo è questione nazionale

Roma, 31 agosto 2020

Onorevole Dario Franceschini
Ministro per i beni culturali e il turismo

In un celebre luogo estense, il Parco Ducale di Sassuolo, la lottizzazione di 49 ville approvata in silenzio (assenso) dalla Soprintendenza. Appello di Italia Nostra al Ministro. Continua a leggere “La tutela dello storico Parco Ducale di Sassuolo è questione nazionale”

L’Angelo che danza sull’orlo dell’abisso

di Tomaso Montanari

«E se l’orecchio dicesse: “Poiché io non sono occhio, non appartengo al corpo”, non per questo non farebbe più parte del corpo. Se il corpo fosse tutto occhio, dove sarebbe l’udito? Se fosse tutto udito, dove l’odorato? Ora, invece, Dio ha disposto le membra in modo distinto nel corpo, come egli ha voluto. Se poi tutto fosse un membro solo, dove sarebbe il corpo? Invece molte sono le membra, ma uno solo è il corpo. Non può l’occhio dire alla mano: “Non ho bisogno di te”; né la testa ai piedi: “Non ho bisogno di voi”». Continua a leggere “L’Angelo che danza sull’orlo dell’abisso”

Blog su WordPress.com.

Su ↑