Cerca

Emergenza Cultura

Categoria

Altro

La Santa Sofia di Erdogan e quell’occasione di libertà

di Tomaso Montanari

Santa Sofia che torna moschea non ha a che fare con la religione: ha a che fare con il potere. Continua a leggere “La Santa Sofia di Erdogan e quell’occasione di libertà”

Scavi di Pompei, lavoratori costretti a metà dello stipendio

di Adriana Pollice

Li chiamano servizi aggiuntivi ma accoglienza, controllo accessi, biglietteria, ufficio guide e ufficio informazioni sono servizi essenziali. A Pompei sono gestiti da Opera laboratori fiorentini, un pezzo del colosso Civita cultura holding.

Continua a leggere “Scavi di Pompei, lavoratori costretti a metà dello stipendio”

Mahmood e Ferragni: l’arte piegata al consumo

di Tomaso Montanari

Credo sia stato un errore far girare a Mahmood il video di Dorado al Museo Egizio di  Torino. E non certo perché è a torso nudo, e nemmeno perché la canzone dice: «Mi piace lei perché ha il culo sodo (uh)». È molto più volgare la Galleria dei Re, inflitta al Museo Egizio da Alain Elkann, che non la performance di Mahmood, riuscitissima. Continua a leggere “Mahmood e Ferragni: l’arte piegata al consumo”

La Biblioteca ferita: a rischio macero diverse centinaia di volumi antichi

della Redazione di Pressenza Palermo

A seguito della Bomba d’Acqua “esplosa” su Palermo lo scorso 15 luglio, che – fra gli altri danni alluvionali riguardanti l’intera città – ha inferto  una gravissima ferita alla Biblioteca Centrale della Regione Siciliana, importante e fondamentale istituzione della Cultura di livello non solo siciliano, pubblichiamo la lettera di solidarietà inviata all’indomani dei fatti nefasti a tutto il personale della Biblioteca e al suo Direttore Carlo Pastena, vergata da Carmela Perretta. Continua a leggere “La Biblioteca ferita: a rischio macero diverse centinaia di volumi antichi”

Se il museo diventa pubblica agorà

di Maria Pia Guermandi

Una recentissima indagine svolta dall’ICOM, International Council of Museums, e riferita a circa 1600 musei di 107 paesi dei 5 continenti, ha registrato con la forza dei dati il disastroso impatto della pandemia sulle istituzioni museali in tutto il mondo: il 95% delle strutture ha conosciuto lock down più o meno prolungati (in certi casi tuttora in corso), e oltre il 12% dei musei – in particolare in Africa, Asia e paesi arabi – teme addirittura di non poter riaprire i battenti. Continua a leggere “Se il museo diventa pubblica agorà”

Arrivano i lupi (a Firenze). Ma sicuri ci sia da ridere?

di Tomaso Montanari

Dopo quelle di Napoli, anche le piazze di Firenze sono invase dai lupi. Lupi enormi: cento minacciosi esemplari fusi in ferro, del peso di 300 chili ciascuno. Continua a leggere “Arrivano i lupi (a Firenze). Ma sicuri ci sia da ridere?”

Firenze: lasciamo in pace Costa San Giorgio, l’instabile collina delle “Rovinate”

del Laboratorio politico perUnaltracittà

La zona di Costa San Giorgio, dove al posto dell’ex Scuola di Sanità Militare è previsto il luxury albergo dei Lowenstein, è nota anche con il toponimo di Poggio alle Rovinate perché in vari periodi è stata al centro di movimenti franosi del colle su cui si distendono oggi le proprietà della famiglia argentina e sotto le quali, come abbiamo più volte riportato, è prevista la costruzione di parcheggi interrati, di magazzini e locali di servizio del ristorante e un tunnel sotterraneo di 600 metri con accesso carrabile proprio da Costa San Giorgio. Continua a leggere “Firenze: lasciamo in pace Costa San Giorgio, l’instabile collina delle “Rovinate””

Il Covid blocca i dottorati: colpo di grazia alla ricerca

di Tomaso Montanari

Per mesi siamo rimasti appesi ad ogni parola che usciva dalle labbra di ricercatori e scienziati: ma non stiamo facendo nulla perché ricercatori e scienziati continuino ad esistere. Anzi, sembra che siamo ben decisi a scoraggiare chi sta provando a dedicare la propria vita alla ricerca: i dottorandi.

Continua a leggere “Il Covid blocca i dottorati: colpo di grazia alla ricerca”

La Venere Chiara riduce Botticelli a tormentone social

di Tomaso Montanari

Sia chiaro: il problema non è Chiara Ferragni, il problema sono gli Uffizi. L’influencer di Cremona fa il suo mestiere, e lo fa anche assai bene. Ma la domanda è: è giusto, sensato, saggio, che la Galleria degli Uffizi metta tutta la sua arte e la sua storia al servizio della Ferragni? Continua a leggere “La Venere Chiara riduce Botticelli a tormentone social”

Blog su WordPress.com.

Su ↑