Cerca

Emergenza Cultura

Categoria

Altro

Sardegna, una colata di cemento in nome del Covid sulle coste più belle del mondo

di Angelo Bonelli

Per autorizzare la più grande colata di cemento, anche nelle aree vincolate e sulla costa, nella storia della Sardegna, la giunta Solinas a trazione leghista utilizza anche l’alibi della pandemia da Covid-19. Nei prossimi giorni rischia di essere approvata una legge urbanistica, o meglio il piano casa, che prevede una potenziale colata di cemento di oltre 25 milioni di metri cubi di cui quasi la metà concentraste sulle coste dell’isola. Continua a leggere “Sardegna, una colata di cemento in nome del Covid sulle coste più belle del mondo”

Cultura Capitale: sgomberi, sfratti e revisionismi a destra

di Tomaso Montanari

Ogni secolo ha la ‘questione romana’ che si merita. Per noi, oggi, quella questione riguarda il conflitto tra giustizia e legalità, tra cultura e rendita, tra città e mercato: un conflitto che, naturalmente, attraversa oggi l’intero Paese, ma che a Roma si fa più violento, dunque più leggibile. Continua a leggere “Cultura Capitale: sgomberi, sfratti e revisionismi a destra”

Salviamo la Torre di Pasolini dal consumismo dei musei

di Tomaso Montanari

“Casale ottimo stato, Soriano nel Cimino, 800mila euro. Il breve sentiero, circondato da una vigorosa vegetazione, arriva al grande piazzale di circa 12.000 mq sul quale insistono le mura di cinta dell’antico Castello con l’alta Torre di Chia delimitanti l’intera proprietà. Dalla parte opposta, l’altra piccola Torre e la dimora pasoliniana che si compone di un blocco centrale – l’abitazione – e di una dépendance con una superficie totale coperta di circa 185 mq. Lo stato conservativo è ottimo, si presenta ristrutturato e già pronto per essere abitato”. Continua a leggere “Salviamo la Torre di Pasolini dal consumismo dei musei”

Il nostro vero virus. E la sua cura

di Tomaso Montanari

«Per vedere cosa c’è sotto il proprio naso occorre un grande sforzo», ha scritto George Orwell. Facciamolo. Sotto il nostro naso c’è una convivenza non breve con il Covid. Continua a leggere “Il nostro vero virus. E la sua cura”

Salviamo il patrimonio culturale italiano dal ministro Franceschini

di Francesca Canino

«I beni archeologici italiani costituiscono un vanto per le collezioni dei musei di tutto il mondo: alcuni sono stati acquisiti in modo legittimo, altri no. Le rivendicazioni, tuttavia, non possono essere massive né occasionali: privare simultaneamente i musei esteri di quei reperti non porterebbe alcun vantaggio culturale e non consentirebbe di provvedere adeguatamente non solo alla loro valorizzazione ma addirittura alla conservazione degli oggetti», sono le parole della sottosegretaria ai Beni culturali, Lorenza Bonaccorsi, pronunciate in Commissione cultura nelle scorse settimane per rispondere a due atti di sindacato ispettivo a firma della senatrice Margherita Corrado (M5S). Gli atti in questione intendevano sollecitare il recupero al patrimonio pubblico italiano di reperti archeologici di pregio scavati ed esportati illecitamente all’estero, per finire nelle vetrine di prestigiosi musei statunitensi. Continua a leggere “Salviamo il patrimonio culturale italiano dal ministro Franceschini”

Castellucci e gli altri, quando il mecenatismo è “mascherato”

di Tomaso Montanari

L’arresto dell’ex ad di Autostrade Giovanni Castellucci (che rimane innocente fino al terzo grado di giudizio) dovrebbe indurre a riflettere anche su un ambito apparentemente remoto dalle vicende al centro dell’inchiesta: quello del mecenatismo. Continua a leggere “Castellucci e gli altri, quando il mecenatismo è “mascherato””

Rientriamo nei musei in sicurezza (e gratis per alcuni mesi)

di Salvatore Settis

Signor presidente del Consiglio: il suo Dpcm prevede la chiusura dei musei, considerati sotto la specie dell’assembramento e non come insostituibili fonti di nutrimento culturale. Continua a leggere “Rientriamo nei musei in sicurezza (e gratis per alcuni mesi)”

La cultura è un bene di consumo o un bene comune?

di Marco Dotti

Cultura: «un bisogno vitale in tempo di crisi», un «bene comune essenziale, fonte di resilienza».

Parole più che mai attuali quelle con cui, nel marzo scorso, Ernesto Ottone, direttore generale aggiunto per la cultura dell’Unesco, poneva il tema: la cultura è un bene essenziale o sacrificabile, un bene comune o un bene di mero consumo? Un capitale relazionale o un semplice prodotto?

Continua a leggere “La cultura è un bene di consumo o un bene comune?”

Federico Fellini nella Rocca di Rimini: ne sarebbe lieto?

di Tomaso Montanari

“Ecco come sono fatti gli italiani; e quando i pochi che non sono fatti così avranno consumata la loro vita a insegnare con l’esempio e con la parola un po’ di serietà, le cose saranno su per giù al punto di prima. E non ostante, il dovere di noi pochi resta quello”. Continua a leggere “Federico Fellini nella Rocca di Rimini: ne sarebbe lieto?”

Blog su WordPress.com.

Su ↑