Cerca

Emergenza Cultura

Categoria

Materiali

Sardegna. Assalto anticostituzionale al Ppr

di Sandro Roggio

Da una quindicina di anni esiste un tacito accordo trasversale per debilitare il piano paesaggistico della Sardegna. Il Ppr è un “sopruso” secondo i suoi detrattori, immemori di sentenze che ne hanno certificato legittimità e ragionevolezza. Continua a leggere “Sardegna. Assalto anticostituzionale al Ppr”

La logica fast food che si divora Tiepolo e Goldoni

di Filippomaria Pontani

Per Georg Simmel Venezia simboleggia un ordine unico delle forme sotto le quali concepiamo il mondo: è dunque inevitabile che ad attrarre i forestieri siano da sempre anzitutto le sue calli, i suoi ponti, l’equilibrio con l’acqua, le trine di pietra o di marmo; al massimo, le chiese che prolungano il miracolo sotto alte navate o cupole dorate. Continua a leggere “La logica fast food che si divora Tiepolo e Goldoni”

Pisa, la Biblioteca Universitaria ancora chiusa a distanza di oltre 8 anni nonostante i circa 3 milioni stanziati dal Mibact

di Manlio Lilli

Pisa è la città della piazza dei Miracoli, con la Cattedrale e la Torre pendente. Ma anche la sede di tre tra le più importanti istituzioni universitarie italiane ed europee, l’Università di Pisa, la Scuola Normale Superiore e la Scuola Superiore Sant’Anna, oltre che la più grande sede del Consiglio nazionale delle Ricerche. Continua a leggere “Pisa, la Biblioteca Universitaria ancora chiusa a distanza di oltre 8 anni nonostante i circa 3 milioni stanziati dal Mibact”

Il caso Rocca di Gradara e la politica del gambero nei Beni Culturali

È proprio fresca la notizia della cessione della Rocca di Gradara, il sito più visitato delle Marche, ad un organismo (Fondazione, Consorzio?) che avrebbe a capo il Comune stesso di Gradara e tra i suoi partners il Mibact, che così si defilerebbe dall’evidentemente gravoso compito della gestione diretta. Continua a leggere “Il caso Rocca di Gradara e la politica del gambero nei Beni Culturali”

Martina, il Pd e i Beni culturali

di Tomaso Montanari

“Martina ha 22 anni. Studiava Scienze dei Beni Culturali. Ma recentemente ha deciso di rinunciare al suo sogno per seguire quello di suo padre, deceduto a causa del coronavirus: tenere aperta l’edicola di famiglia. Continua a leggere “Martina, il Pd e i Beni culturali”

Featured post

Palazzo Nardini, la perla del ’400 si può vendere

di Vittorio Emiliani

Con una sentenza clamorosa, in senso negativo, la IV Sezione del Consiglio di Stato ha quasi totalmente cancellato quella del Tar del Lazio che invece tutelava integralmente tutta la cittadella di Palazzo Nardini vietandone di fatto la vendita intervenuta per miseri 18 milioni di euro fra la Regione Lazio, proprietaria, e la società partecipata al 70% Invimit, e quindi la possibilità per quest’ultima di rivenderla “per fare cassa” per oltre 26 milioni di euro alla società privata Armellini Lemong Green srl. Continua a leggere “Palazzo Nardini, la perla del ’400 si può vendere”

Caffarella, breve storia di un parco riconquistato

di Mirella Di Giovine

Appena fuori dalle Mura Aureliane, in continuità funzionale e visiva con l’area Centrale dei Fori, si apre la valle della Caffarella, l’ingresso privilegiato al Parco dell’Appia Antica. Continua a leggere “Caffarella, breve storia di un parco riconquistato”

La lezione della Regina viarum

di Rita Paris

Venti anni fa, l’estate del 2000 ha segnato l’inizio di una nuova vita per l’Appia, con le aperture del complesso del Mausoleo di Cecilia Metella e il medievale Palazzo Caetani, la Villa dei Quintili, i restauri della strada e di alcuni monumenti funerari che la fiancheggiano, la ricucitura della Via Appia, grazie all’interramento delle corsie del GRA. Continua a leggere “La lezione della Regina viarum”

Sassuolo, là dove c’era l’erba ora ci saranno 49 villette

di Tomaso Montanari

Capiremo in autunno se il disastro sanitario e politico della Lombardia a trazione leghista ha messo la parola fine agli scellerati progetti di autonomia differenziata. Ma il fatto è che la secessione delle ricche regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna intende sanzionare sul piano istituzionale una realtà culturale ed economica: l’omogeneità del progetto che guida lo sviluppo di queste tre aree del Paese. Continua a leggere “Sassuolo, là dove c’era l’erba ora ci saranno 49 villette”

Blog su WordPress.com.

Su ↑