Cerca

Emergenza Cultura

Categoria

Documenti di e per Emergenza Cultura

Venezia alla canna del gas

di Paola Somma

Nel 1839, durante la dominazione austriaca, la congregazione municipale di Venezia concesse alla Lionese, società di un gruppo di investitori francesi, l’uso gratuito di un’area affacciata sulla Laguna nord, di fianco alla chiesa e al convento di san Francesco della Vigna, per installarvi un impianto di distillazione di carbon fossile e produrre gas destinato all’illuminazione di piazza san Marco e delle aree contigue. Continua a leggere “Venezia alla canna del gas”

Solo la scuola può salvarci dai piazzisti di san Marco

di Paola Somma

Per il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, la cosiddetta fase 2 coincide con la campagna elettorale in vista delle elezioni amministrative, che si sarebbero dovute tenere in questi giorni, ma sono state rinviate a data da destinarsi. Continua a leggere “Solo la scuola può salvarci dai piazzisti di san Marco”

Italian State do it better: un’idea sul post Covid-19

di Alessio De Cristofaro

Ai tanti, volenterosi, consigli offerti al Governo in materia di futuri, eventuali sussidi al mondo dei BBCC, mi permetto di aggiungerne qualcuno anche io, dal basso della mia concreta esperienza quotidiana nella filiera della cultura, prima come professionista, ora come funzionario archeologo. Continua a leggere “Italian State do it better: un’idea sul post Covid-19”

Niente Museo del Tevere all’Arsenale Clementino, ma la Quadriennale è un cantiere dal 2015

di Vittorio Emiliani

Notizia ufficiale: la Quadriennale d’arte di Roma, se si farà, si terrà nella vecchia sede originaria del Palazzo delle Esposizioni. E il costoso cantiere montato da cinque anni all’Arsenale Clementino a spese del Mibact? Aspetterà. Succedono cose strane ai Beni Culturali inteso come Ministero. Continua a leggere “Niente Museo del Tevere all’Arsenale Clementino, ma la Quadriennale è un cantiere dal 2015”

Ce lo chiede il coronavirus: privatizzazione delle spiagge libere e razionamento dei parchi gioco per bambini

di Paola Somma

Le misure che le pubbliche istituzioni, e le task force private che le dirigono, stanno predisponendo per la cosiddetta fase 2, quella in cui ci addestreranno a comportarci da responsabili lavoratori e consumatori, sono un caso da manuale di come funziona la shock economy, altrimenti detta il capitalismo dei disastri, magistralmente indagata e descritta da Naomi Klein. Continua a leggere “Ce lo chiede il coronavirus: privatizzazione delle spiagge libere e razionamento dei parchi gioco per bambini”

Biennale con virus

di Paola Somma

L’apertura della XVII Biennale di Architettura di Venezia, che avrebbe dovuto aver luogo il prossimo 23 maggio, è stata posticipata al 29 agosto.

Un breve nota, diffusa il 4 marzo, specifica che la decisione è stata assunta in conseguenza delle recenti ”misure precauzionali in materia di mobilità, prese dai governi di un numero crescente di paesi del mondo, che avranno effetti a catena sul movimento delle persone e delle opere nelle prossime settimane”. Continua a leggere “Biennale con virus”

La valutazione della ricerca al tempo dell’emergenza

di Paolo Liverani

Un tema apparentemente di nicchia, ma molto sentito dalla comunità accademica, è quello della Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR). Molto sentito perché da questa valutazione dipende il futuro di interi dipartimenti e atenei, se cioè come risultato di questo processo vedranno un ulteriore declino di risorse e personale o invece arriveranno a una stabilizzazione (recupero e crescita quasi mai…). Continua a leggere “La valutazione della ricerca al tempo dell’emergenza”

Servitori dello Stato, servi della gleba

di Carmelina Ariosto

In queste terribili settimane di incertezza, dolore e paura per la strage silenziosa da COVID-19 il polveroso apparato burocratico sta dando prova di insospettabile efficientismo formale. Perfino il Mibact. Continua a leggere “Servitori dello Stato, servi della gleba”

L’impunità di gregge

di Paola Somma

Il 28 marzo 2020, in una intervista al quotidiano La Repubblica, il senatore Luigi Zanda, partendo dalla considerazione che serviranno “idee nuove, molto coraggio e tanti tanti soldi, poiché occorrerà aiutare la ripresa sia del piccolo commercio sia della grande industria e nessun prestito ci verrà dato senza garanzie”, ha dichiarato: “se la UE non ci aiuta, siamo pronti a dare in pegno immobili pubblici.” Continua a leggere “L’impunità di gregge”

Blog su WordPress.com.

Su ↑