Cerca

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

Categoria

Contributi

Roma, il Parco conteso: il Colosseo tra assolutismo ministeriale e rispetto delle leggi

(di Edoardo Caterina) “Possibile che sia più abusivo il Parco archeologico del Colosseo degli improbabili centurioni che vi stanno davanti?” – è la prima domanda che verrebbe da porsi venendo a conoscenza delle due sentenze con cui il del TAR Lazio (nn. 6719 e 6720 del 7 giugno 2017) la settimana scorsa ha annullato il decreto ministeriale del 12 gennaio 2017 istitutivo del Parco del Colosseo.

In realtà, ove si leggano bene le sentenze, a imporsi sarebbe un’altra domanda: “ma quante singole norme di legge è riuscito a violare un regolamento del MiBACT?”. Continue reading “Roma, il Parco conteso: il Colosseo tra assolutismo ministeriale e rispetto delle leggi”

Valorizziam, valorizziam… Nerone al Palatino

(di Vittorio Emiliani*) Se la valorizzazione dei nostri beni culturali, in particolare di quelli archeologici, proseguirà sul solco tracciato dall’opera rock “Divo Nerone” voluta dal ministro della Cultura Dario Franceschini sul Palatino, è facile prevedere che essa frutterà soltanto pochi euro e molto discredito. L’enorme palcoscenico in tubi d’acciaio montato per tre mesi e ben tremila posti nella Vigna Barberini fra i ruderi più antichi di Roma, là dove nacque la prima Urbs, ha già provocato danni di immagine gravissimi sconcertando o indignando migliaia e migliaia di turisti in visita ai Fori e al Colosseo. Continue reading “Valorizziam, valorizziam… Nerone al Palatino”

Andrea Bocchi, Due scontrini e due misure

Di fronte all’aberrazione di personale assunto con dubbie procedure e al di fuori di ogni legittimità contrattuale il ministro Dario Franceschini ha reagito
energicamente licenziando con un SMS tutti coloro che lavoravano come ‘scontrinisti’ in una delle istituzioni culturali più importanti del paese, la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma:  “il mio compito è far rispettare la legge”. Nella stessa settimana,  lo stesso ministro ha infilato nella manovrina una norma ad hoc per legittimare l’assunzione di alcuni direttori di altre, non meno importanti, istituzioni culturali, che un TAR aveva ritenuto irregolare. 
Dalla legge è uguale per tutti siamo così passati alla legalità taroccata, ammannitaci da una classe politica delegittimata che – mentre propina solo opportunità di volontariato, costringendo all’emigrazione un numero crescente di noi – non ha il minimo spirito di servizio. 
Abbiamo preso a prestito un disegno del sommo Altan, speriamo non se ne abbia a male.

Andrea Bocchi, Back to school – Studiare in piazza a Pisa

I banchetti delle elementari, con le chewing-gum, il disegnino osceno sul bordo e persino – vera archeologia scolastica, però attualissima – uno “scemo ki legge” nell’angolo. Sono quelli che hanno usato Chiara Frugoni, Adriano Prosperi, Michele Feo e tanti altri ieri per studiare in piazza a Pisa.

Continue reading “Andrea Bocchi, Back to school – Studiare in piazza a Pisa”

Può il Ministro nominare il Direttore degli Uffizi?

(di Edoardo Caterina) Il contenuto delle due sentenze del TAR Lazio (nn. 6170 e 6171 del 2017) è ormai noto, anche se alcuni mezzi di informazione sembrano avere fatto del loro meglio per distorcerlo.

I due punti cruciali su cui si sono concentrati i giudici amministrativi stanno nelle procedure di selezione impiegate per il colloquio orale. Continue reading “Può il Ministro nominare il Direttore degli Uffizi?”

Il Comma Assmann (DL 50/2017, Art. 22, 7bis)

(di Paolo Liverani) Il governo italiano è di una efficienza veramente prodigiosa. Beh, non proprio sempre: quando si tratta di salvare i monumenti terremotati, per esempio, ha tempi geologici, ma quando un ministro fa una figuraccia è fulmineo, in tempo reale. Continue reading “Il Comma Assmann (DL 50/2017, Art. 22, 7bis)”

Cucinato lo “spezzatino” dello Stelvio: Galletti benedice la Sfasciaparchi

di Vittorio Emiliani

Più deboli le proteste delle associazioni ambientaliste che, per le loro gestioni, ricevono finanziamenti dal governo e dalla Regioni. Ma si sapeva.

La legge definita dai naturalisti e dagli ambientalisti più agguerriti “Sfasciaparchi” è in discussione alla Camera. Il presidente della commissione Ambiente, Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente, aveva giurato che le peggiori nefandezze sarebbero state eliminate, ma, tranne poche eccezioni, il testo è rimasto integro, cioè nefasto. “Una pietra tombale”, secondo Fulco Pratesi. Continue reading “Cucinato lo “spezzatino” dello Stelvio: Galletti benedice la Sfasciaparchi”

Fermate subito la nuova illuminazione, è un attentato alla Bellezza di Roma

Appello urgente al ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, alla sindaca Virginia Raggi, all’assessore alla Cultura, Luca Bergamo, al Soprintendente Francesco Prosperetti, al sovrintendente capitolino, Claudio Parisi Presicce Continue reading “Fermate subito la nuova illuminazione, è un attentato alla Bellezza di Roma”

Debora Tosato, Musei e comunicazione nell’età della riforma Franceschini. Metodologie e luoghi comuni del consenso mediatico

Una delle novità di maggiore impatto della riforma Franceschini è costituita dalla creazione dei musei indipendenti, con l’apporto di nuovi direttori – selezionati tramite concorso pubblico (valutazione dei titoli e colloquio) e coadiuvati da un consiglio di amministrazione e da un comitato scientifico. La lista dei musei è destinata a crescere, in quanto il ministero ha di recente aggiunto all’elenco altri siti, in precedenza compresi nell’ambito di competenza dei poli museali o delle soprintendenze.

E’ trascorso più di un anno dall’entrata in vigore del Decreto del 23 gennaio 2016 sulla riorganizzazione del Mibact, che ha generato nuove entità, svincolando i cosiddetti “musei di rilevanza nazionale” e i poli museali dall’amministrazione delle soprintendenze territoriali.

Continue reading “Debora Tosato, Musei e comunicazione nell’età della riforma Franceschini. Metodologie e luoghi comuni del consenso mediatico”

Blog su WordPress.com.

Su ↑