di Tomaso Montanari

A Firenze il sindaco Nardella prende in ostaggio Masaccio e Donatello, e minaccia di non liberarli finché il governo Conte non ripianerà il buco di un bilancio comunale dissennatamente fondato sulla tassa di soggiorno garantita dall’overtourism che, fino a ieri, consumava e insieme teneva in piedi Firenze.

Non è un’iperbole: i Musei Comunali (del calibro della Cappella Brancacci e dello stesso Palazzo Vecchio) non hanno riaperto. In un comunicato assai preoccupato per la sorte dei lavoratori, la Cgil ha scritto che Nardella tiene chiusi i musei «come monito nei confronti del governo centrale nel caso in cui non arrivino adeguate risorse pubbliche». Più che monito, andrebbe chiamato ricatto: giocato sulla pelle dei lavoratori.

La momentanea fine della bolla dell’overtourism strappa la maschera alla insopportabile retorica fiorentina della cultura. Ricordate il decreto di Renzi (e Franceschini) che, nel settembre 2015, inseriva i musei tra i servizi essenziali? Allora si trattava di impedire che i lavoratori del Colosseo facessero legittimamente sciopero: «Non lasceremo la cultura ostaggio di quei sindacalisti contro l’Italia», tuonò Renzi presidente del Consiglio. Oggi è il suo erede Nardella a prendere in ostaggio i musei pubblici, dimostrando quanto gliene importi del servizio essenziale della cultura. Il museo vale finché rende: ma un minuto dopo che smette di farlo, si può buttar via la chiave. D’altra parte, Renzi lo aveva detto apertamente: «gli Uffizi sono una macchina da soldi, se li facciamo gestire nel modo giusto». Inceppatasi la macchina, i musei possono pure morire.

Ma Nardella giura di non essere Renzi, e ora va dicendo di aver finalmente capito che quel modello era insostenibile. Se questa clamorosa conversione fosse vera, se non fossero solo lacrime di coccodrillo, invece di farci assistere a questa squallida sceneggiata il sindaco dovrebbe cogliere l’occasione per cambiare tutto.

Per quanto riguarda i musei comunali ciò significherebbe innanzitutto costruirli come veri musei, e non solo come depositi di capolavori gestiti direttamente dalla politica.

Laddove questo non sia possibile, bisognerebbe avere il coraggio di rinunciare al balzello del biglietto. Si pensi alla Cappella Brancacci di Masaccio e Masolino, artificiosamente separata dalla basilica del Carmine di cui fa parte, e visitabile attraverso un percorso che toglie a chi la vede la coscienza dell’unità del contesto in cui si trova. In questi giorni, con il ‘sequestro’ dei musei comunali, la Cappella è visibile da lontano, dalla chiesa, ma è resa inaccessibile da dissuasori ora doppiamente surreali. Ebbene, si abbia il coraggio di rimuoverli per sempre.

Per tutti gli altri veri musei (da quello di Palazzo Vecchio al Museo del Novecento) il primo passo sarebbe costituire finalmente al loro interno delle vere comunità di ricercatori, da assumere a tempo indeterminato. E poi farli guidare da veri direttori (da cercare con bandi internazionali affidati alla comunità scientific), e non dalle imbarazzanti figure locali cui in taluni casi sono affidati, figure che hanno l’unico merito di esser completamente genuflesse al sindaco.

Prima ancora, bisognerebbe ripartire dalle circa duecento persone che lavorano nei musei comunali, e che oggi si vedono ‘sequestrate’ insieme alle opere che custodiscono: «addetti in appalto, con stipendi bassi e con contratti part time involontari: cioè lavoro povero» (ancora la Cgil). Il Comune non deve usare questi lavoratori per strappare al Governo soldi una tantum con cui tamponare la spesa corrente, ma dovrebbe semmai chiedere un’integrazione strutturale al bilancio della cultura per assumerli a tempo indeterminato, reinternalizzando così una funzione cruciale.

Se non lo fa, è perché il sistema dell’arte comunale rimanga nelle mani in cui lo mise Renzi sindaco: quelle fidatissime dell’amico scout Matteo Spanò, presidente di Muse, l’associazione che gestisce questo patrimonio senza eguali al mondo. Lo stesso Spanò che presiede quella Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve che nel 2010 concesse alla Chill Post di Tiziano Renzi un mutuo di 496.000 euro (l’inchiesta per bancarotta fraudolenta della società fu archiviata nel 2016).

Ora che la gallina delle uova d’oro si è bloccata, i fiorentini si accorgono che l’arte dei loro padri non è più per loro: appena spariscono i turisti il luna park abbassa il bandone. Come mi ha scritto un amico la cui famiglia ha contribuito a fare la storia della cultura fiorentina dell’ultimo secolo: «sono tantissimi i fiorentini che, come me, assistono basiti alla totale assenza di attenzione politica ai fabbisogni culturali dei cittadini. La chiusura dei musei fiorentini rappresenta una delle più gravi barbarie … Non capisco davvero perché non si consenta una volta tanto, in condizioni (speriamo) irripetibili, la possibilità di aprire i musei, come fossero case, a chi questa città la vive e ci abita. … Ancora una volta si perde una grande occasione per cercare di ristabilire quel necessario senso di cittadinanza e di appartenenza che da tanto, troppo tempo questa città ha ormai perduto. Mi dispiace e mi fa anche tanta rabbia, perché siamo chiamati al sacrificio e alla rinuncia senza poter imparare dai nostri avi che le barbarie e la desertificazione dello spirito si combattono anche con la bellezza che ci appartiene, ma che di fatto ci viene negata “perché non è conveniente aprire i musei”».

Alla fine, c’è del metodo in questa follia: chi tratta i lavoratori come merce, considera merce anche i musei. In questo caso, merce di scambio.


Articolo pubblicato in “Il Fatto Quotidiano”, 25 maggio 2020

Fotografia di travelspot da Pixabay