Giovedì 18 e venerdì 19 ottobre si è riunito a Napoli il nodo italiano della rete SET – Sud Europa di fronte alla Turistificazione. Nata in sinergia con la mobilitazione di diverse città iberiche

investite da un ipertrofico sviluppo turistico, la rete SET intende promuovere a livello internazionale una riflessione critica sulla turistificazione e un coordinamento di analisi e pratiche alternative. All’incontro napoletano hanno partecipato numerose realtà italiane (Venezia, Firenze, Roma, Genova, Bologna, Rimini, Bari, Bergamo). Pur con modalità e tempistiche diverse a seconda del territorio, l’industria del turismo sta avendo un impatto fortissimo sulle città sia dal punto di vista sociale che ambientale: disgregazione del tessuto sociale, aumento del numero degli sfratti proporzionale a quello delle case vacanze, veri e propri processi di espulsione degli abitanti storici, in particolare delle fasce economicamente più fragili; danni ambientali, a causa dell’espansione delle infrastrutture funzionali ai flussi turistici, dell’inquinamento prodotto da aeroporti e grandi navi e dalla produzione incontrollata di rifiuti; precarizzazione e monotematizzazione del mercato del lavoro; privatizzazione dello spazio pubblico e alienazione del patrimonio storico-artistico che da strumento di coesione democratica è trasformato in bene di consumo. Il caso estremo di città come Venezia e Firenze dimostra che dove non c’è una pianificazione del fenomeno si instaura una monocoltura turistica difficilmente reversibile. Oggi con la diffusione di piattaforme turistiche digitali anche altre città, come Napoli o Bologna, hanno iniziato a trasformarsi profondamente e in tempi rapidissimi.
Quella di SET non è una battaglia contro il turismo o contro i turisti, ma una lotta contro la crescita incontrollata di un’industria pesante che mette a rischio il diritto alla città e la stessa democrazia. Se le città si svuotano dei loro abitanti, da beni comuni si trasformano in luoghi mercificati privi di anima. È necessario ridiscutere collettivamente la gestione dell’industria turistica, pianificare e individuare in modo partecipato delle regole che le restituiscano una dimensione a misura di persona, a misura di città e di territorio.
Questa pagina è uno strumento collettivo della rete, amministrata da individui appartenenti ai collettivi delle diverse città coinvolte. La useremo per diffondere le iniziative che si svolgono sui territori e per prendere parola collettivamente sui temi che ci stanno a cuore, oltre che a utilizzarla come mezzo di contatto per quanti fossero interessati alle nostre attività. Invitiamo quindi singoli e collettivi di tutte le città e territori italiani investiti dal fenomeno turistico a mettersi in contatto con noi per organizzare assieme le prossime iniziative, attraverso questa pagina o tramite la mail retesetitalia@gmail.com.
La città è di chi la abita.
RETE SET – Italia
facebook:  SET -Sud Europa di fronte alla turistificazione