Foto postata sui social mostra il collasso delle coperture nel quartiere abbandonato di proprietà del Demanio

Ennesimo crollo nell’area dell’anfiteatro abbandonato. E’ un cedimento vasto quello che ha interessato il tetto della chiesa di San Gregorio Minore, chiusa da tempo e inserita nel quartiere inagibile e di proprietà del Demanio, che si allarga ai piedi del centro storico.

A mostrare il nuovo e significativo danno è direttamente una foto scattata dall’alto e poi postata sui social da uno spoletino, che ha di fatto dato l’allarme: «Abbiamo appreso stamattina (lunedì, ndr) del crollo del tetto di San Gregorio Minore – dice l’assessore ai lavori pubblici Angelo Loretoni – ora faremo una valutazione coi tecnici, ma le condizioni in cui versano gli edifici rendono complessa qualsiasi ipotesi di messa in sicurezza». Molti volumi presenti nell’area sono totalmente inagibili da anni

e la violenta sequenza sismica 2016-2017 ha indubbiamente aggravato un quadro già molto critico.

Cede tetto di San Gregorio Minore Del resto da anni nell’area si registrano crolli, che in almeno un caso hanno anche messo a rischio l’incolumità dei passanti nelle strade che abbracciano il quartiere chiuso e fatiscente. Nonostante ormai da molto tempo l’area versi in condizioni di totale abbandono, al momento sono disponibili 3 milioni di euro, finanziati dalla Regione, e che l’amministrazione comunale ha deciso di destinare al recupero della palazzina fatiscente accanto all’Auditorium della Stella. Ma ben più ingenti sono le risorse necessarie per riqualificare l’area, in cui insistono anche manufatti vincolati, tra tutti l’anfiteatro romano puntellato da anni.

@chilodice

http://www.umbria24.it/cronaca/spoleto-crolla-tetto-della-chiesa-san-gregorio-minore