Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutte e tutti voi. Nell’anniversario della scossa più forte (il 30 ottobre) ci siamo resi conto di quanto poco si parlasse della situazione nel centro Italia, soprattutto al di fuori delle due-tre città simbolo.

Così abbiamo deciso di lanciare una campagna fotografica di sensibilizzazione: in Umbria, Marche, Lazio, ma anche Abruzzo e Toscana, i lavori procedono a rilento. Non si parla solo di paesi colpiti in maniera drammatica dal terremoto, frazioni isolate ormai quasi disabitate,

patrimonio culturale a rischio distruzione. Anche lontano dal cratere troviamo frazioni, paesi e città in cui spazi pubblici (biblioteche, palazzi, chiese, musei) sono inagibili da oltre un anno e, dato che non si tratta di “emergenze”, se continua così potranno continuare ad esserlo a lungo. Con danni sociali, culturali ed economici facilmente prevedibili.
I cittadini italiani di quelle zone non meritano tutto questo.

Vi chiediamo dunque di inviarci foto, qui o su miriconosci.beniculturali@gmail.com, che documentino la situazione, dentro e fuori dal cratere. Inviatecele corredate da qualche informazione (es. Chiesa di San Tale, Taldeitali (PU), inagibile dall’agosto 2016, data di inizio del lavori di restauro ignota). Vi invitiamo a contattare i vostri amici.
Domenica prossima, 12 novembre, procederemo alla pubblicazione delle foto e poi, a fine giornata, con le vostre foto manderemo un comunicato a Ministeri e giornali nazionali. Sperando di contribuire a portare una accelerazione importante nello stanziamento dei fondi necessari per riportare quei territori alla normalità.

 

https://miriconosci.wordpress.com/2017/11/09/la-scossa-un-anno-dopo-i-perche-di-una-campagna-di-sensibilizzazione/