Un anno dopo: il cuore ferito dell’Italia sanguina ancora

A un anno dal secondo devastante evento sismico che ha colpito il centro Italia Emergenza Cultura ripropone, nel dossier che presentiamo, i testi, gli appelli, le lettere – elaborati e diffusi attraverso  sito, newsletter e social media – sulla situazione  dei beni culturali dell’area del cratere. Si tratta, come noto, di un patrimonio ricchissimo, diffuso capillarmente e duramente colpito a più riprese a partire dalla prima devastante scossa del 24 agosto 2016.

È un contributo alla memoria, spesso molto labile nel nostro paese.

L’attenzione di Emergenza Cultura si è  acuita in particolare  a seguito dell’evento sismico del 30 ottobre 2016, quando  è apparso evidente che nei due mesi intercorsi ben poco fosse stato messo in atto in termini di messa in sicurezza e recupero di monumenti e beni mobili.

Il nostro allarme, oltre che dalle testimonianze di prima mano di funzionari, cittadini, tecnici che ritroverete nel dossier, derivava dalla consapevolezza di quanto fragile fosse la struttura predisposta alla tutela del patrimonio, quelle Soprintendenze territoriali che proprio in quei mesi stavano affrontando, fra mille difficoltà organizzative, l’avvio della così detta riforma Franceschini.

Fin dalle prime settimane la macchina della tutela è apparsa tragicamente al di sotto delle necessità quanto a mezzi, per quel che riguarda le Soprintendenze territoriali, e capacità di coordinamento e pianificazione per quel che  riguarda la struttura dirigenziale del Collegio Romano.

E ciò che è stato fatto non sempre si è attenuto a quelle buone pratiche che pure nel nostro paese non mancano, a partire, come è stato sottolineato più volte, dalle ricostruzioni nel Friuli   (1976) e nell’Umbria- Marche (1997).

Al contrario, alcuni dei provvedimenti emanati per accelerare le operazioni – sia leggi regionali che ordinanze commissariali – presentano elementi di potenziale pericolosità,  dalle deroghe indiscriminate della pianificazione territoriale, all’oscuramento dello status di beni culturali per gli edifici di culto.

Così, in questi mesi, innumerevoli sono stati gli appelli e le denunce sui ritardi e le insufficienze dell’operazione di recupero del patrimonio.

Il dossier di Emergenza Cultura li ripropone  come primo bilancio, per quanto parziale, di questo delicatissimo anno appena trascorso.

Come detto, moltissimo resta ancora da fare, anche in previsione di un inverno che, come il precedente, potrebbe essere distruttivo, questa volta in modo irreparabile, specialmente per quei beni culturali che si trovano nelle aree più difficili da raggiungere (ad un anno di distanza la rete viaria non è stata ancora ripristinata completamente).

Nostro obiettivo è quello di mantenere alta l’attenzione su queste zone, continuando a segnalare aporie e lentezze, affinché siano messe in campo finalmente quelle risorse che il patrimonio di questi territori merita.

I comunicati stampa di EMERGENZA CULTURA

Emergenza Cultura – Comunicato Stampa del 31 agosto 2016

Emergenza Cultura – Comunicato Stampa del 30 ottobre 2016

Le lettere e gli appelli

Lettera di Vittoria Garibaldi, ex soprintendente per i beni storici ed artistici della regione Umbria, al Ministro Franceschini 24 novembre 2016

Sisma, beni culturali Norcia, il comitato di difesa scrive a Mattarella 24 novembre 2016

Lettera dei cittadini di Amatrice al Ministro Franceschini pubblicata il 10 febbraio 2017

Appello dei sessanta storici dell’arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016 18 agosto 2017

I contributi scritti per EMERGENZA CULTURA

Fabio Antonio Grasso, Il tempo dei Cesari è finito con il terremoto 2 novembre 2016

Debora Tosato, Urgenze, priorità, e obiettivi della tutela del patrimonio artistico nei territori colpiti dal sisma 20 novembre 2016

Fabio Marcelli, Franceschini puntella il PD ma non le chiese 16 febbraio 2017

Alessandro Delpriori, Le Marche, il terremoto e la cultura 28 febbraio 2017

Elisabetta Giffi, Le priorità del commissario 10 maggio 2017

Elisabetta Giffi, Memento da Castelsantangelo sul Nera 3 giugno 2017

Elisabetta Giffi, Le parole cancellate 2 luglio 2017

Antonio Borri, Salvate l’ultima chiesa rimasta in piedi a Norcia! 16 luglio 2017

Alessandro Delpriori, I rischi della ricostruzione. Quando l’uomo può fare più danni della natura 13 agosto 2017

Elisabetta Giffi, Marche. Le mostre e la rovina delle montagne 24 settembre 2017

Vittorio Emiliani, Il confronto tra il post terremoto del ’97 e quello del 2016 mostra uno Stato debole ed impotente 22 ottobre 2017

Rassegna degli articoli apparsi su quotidiani e siti diversi

Tomaso Montanari, La grande opera che manca all’Italia la Repubblica 25 agosto 2016

Tomaso Montanari, Riavere i nostri borghi per permettere un futuro la Repubblica 30 agosto 2016

Tomaso Montanari, Il disastro è il terremoto. Ma il vicedisastro (parola di Matteo Renzi) è Franceschini huffingtonpost.it 29 ottobre 2016

Vittorio Emiliani, Terremoto. Dov’è finito il MiBACT? Articolo 21 30 ottobre 2016

Tomaso Montanari, Terremoto: l’8 settembre del patrimonio culturale articolo9.blogspot.it 2 novembre 2016

Tomaso Montanari, Si potevano salvare le chiese? Si poteva almeno provarci (Lettera di Antonio Borri) articolo9.blogspot.it 3 novembre 2016

Tomaso Montanari, Franceschini e l’art.9 rimasto sotto le macerie il Manifesto 25 novembre 2016

Manlio Lilli, Referendum, alluvioni e terremoti Vota Sì e tutto andrà a posto, dice Renzi ilfattoquotidiano.it 29 novembre 2016

AA.VV Tutelate il territorio, tagliate le spese militari il Manifesto 25 gennaio 2017

Vittorio Emiliani, Terremoti. Basta chiacchere, concentrarsi sulle zone rosse huffingtonpost.it 2 febbraio 2017

Manlio Lilli, Terremoto Marche, il business delle macerie e la disperazione di chi è rimasto ilfattoquotidiano.it 16 giugno 2017

Mario Di Vito, Macerie al bacio, Nestlè al posto delle case ilmanifesto.it 19 luglio 2017

Manlio Lilli, Terremoto Arquata del Tronto, la rocca aspetta ancora interventi ilfattoquotidiano.it 25 luglio 2017