Appuntamento al Mibact dalle ore 10 

Roma, 19 luglio – NIdiL e FP CGIL organizzano un nuovo presidio dei lavoratori “volontari” della Biblioteca Nazionale di Roma per giovedì 20 luglio, dalle ore 10.00 alle 14.00, in via del Collegio Romano angolo via Specchi (MIBACT). Lavorare ma essere “volontari”, essere licenziati con un sms per aver chiesto di aprire un tavolo sindacale e veder riconosciuta la dignità di lavoratori. Questo è ciò che è accaduto il 22 maggio ai lavoratori della Biblioteca Nazionale di Roma che hanno svolto per anni e quotidianamente le stesse mansioni del personale dipendente, garantendo il corretto funzionamento di tutti i servizi.


Un lavoro a tutti gli effetti, inizialmente retribuito come tale e poi, a causa dei tagli al bilancio, trasformato in “volontariato”: senza contratto, senza diritti e senza tutele, niente malattia, congedo maternità, ferie o contributi pensionistici. Il sit-in del 20 luglio davanti alla sede del MIBACT vuole denunciare l’indifferenza del Ministero e del Ministro Franceschini e chiedere: l’apertura di una trattativa; l’assunzione di responsabilità nella tutela del lavoro che si svolge nel Ministero; il riconoscimento del diritto a essere considerati lavoratori, con un contratto di lavoro che riconosca diritti, tutele e dignità.